Lavoro in studio

 

 

 

…perché nelle mie opere lo sguardo, sin dal primo incedere, deve rimanere deluso, non trovare riferimenti e coordinate, deve smarrirsi, abbandonando anche l’ultimo possibile ancoraggio, la consolazione del colore.